Furti e vandalismo: 10mila euro di danni su verde e giochi

Durante l’estate danneggiati (e rubati) arredi e giochi a Figline e Incisa. In programmazione varie manutenzioni straordinarie


Ammontano a 10mila euro in totale i danni da furti, atti vandalici e da uso improprio di arredi e spazi verdi subiti dal Comune di Figline e Incisa Valdarno durante l’estate. Situazioni non sempre sanabili facendo ricorso al personale interno che, nell’arco dell’anno, cura invece il rinnovo e l’ammodernamento di recinzioni, staccionate e arredi usurati da agenti atmosferici o dal tempo.  

Rientrano tra le manutenzioni straordinarie, invece, le riparazioni delle altalene del giardino di Barberino e dei giardini Morelli e Dalla Chiesa, a Figline, dove sono stati ripristinati anche gli scalini dello scivolo e la palestra. Si tratta di una serie di danneggiamenti dovuti per lo più all’utilizzo improprio dei giochi da parte di ragazzi di età superiore ai 12 anni, nonostante siano concepiti per fasce di età inferiori.

All'uso improprio, si accompagna anche il vero e proprio vandalismo, che si concretizza attraverso il danneggiamento o la distruzione volontaria di arredi di vario tipo, tra cui quattro panchine tra Figline (due ai giardini di via Rossini e una in quelli in via della Resistenza) e Matassino (una al Giardino del Resco), i due scivoli presenti in via Luxemburg a Matassino (sfondato) e a Barberino (di cui è stata sradicata la scala di accesso) e l’oblò dell’area gioco dei Giardini della Misericordia. A questi episodi, si somma l’ultimo danneggiamento in ordine di tempo, avvenuto lo scorso weekend a Incisa quando, in seguito al furto all’interno del teatro Il Vivaio, un estintore è stato portato via e utilizzato per cospargere di schiuma il giardino di piazza Malgrat de Mar, compresa l’area che ospita in nido Chicchirullò. Presi di mira anche i giochi per bambini, sui quali è stato urinato.

Non mancano, poi, gli episodi di furto anche negli spazi aperti di proprietà comunale, come quello che si è verificato nelle scorse settimane nei giardini Morelli, dove sono stati rubati i moschettoni di sicurezza dei seggiolini della giostra per bambini disabili e di metà delle mattonelle antitrauma dell&39;asilo di San Vito, che ne comporterà la chiusura fino alla loro sostituzione per un costo di circa 2.500 euro. Una sostituzione che necessiterà dell’intervento di ditte specializzate esterne e, quindi, di un’apposita programmazione (attualmente in fase di definizione, con tempi da definire in base alla disponibilità delle stesse).

Infine, oltre a ricordare che i giochi di tutti i giardini comunali sono destinati all’esclusivo utilizzo da parte di bambini e ragazzi al di sotto dei 12 anni, si sottolinea che i cestini presenti nelle stesse aree sono funzionali alla raccolta di rifiuti di piccole dimensioni. Si invitano, quindi, gli utenti e gli utilizzatori delle aree verdi e gioco a smaltire rifiuti domestici solo negli appositi cassonetti della raccolta differenziata, evitando di abbandonarli indiscriminatamente e contribuendo, quindi, a mantenere il decoro degli spazi pubblici.


«Torna alla lista